sabato 31 dicembre 2011

Sereno e Felice Anno!



Non ti auguro un dono qualsiasi, 


ti auguro soltanto quello che i più non hanno. 

Ti auguro tempo, per divertirti e per ridere; 

se lo impiegherai bene, potrai ricavarne qualcosa. 

Ti auguro tempo, per il tuo Fare e il tuo Pensare, 

non solo per te stesso, ma anche per donarlo agli altri. 

Ti auguro tempo, non per affrettarti e correre, 

ma tempo per essere contento. 

Ti auguro tempo, non soltanto per trascorrerlo, 

ti auguro tempo perchè te ne resti: 

tempo per stupirti e tempo per fidarti 

e non soltanto per guardarlo sull'orologio. 

Ti auguro tempo per toccare le stelle 

e tempo per crescere, per maturare. 

Ti auguro tempo, per sperare nuovamente e per amare. 

Non ha più senso rimandare. 

Ti auguro tempo per trovare te stesso, 

per vivere ogni tuo giorno, ogni tua ora come un dono. 

Ti auguro tempo anche per perdonare. 

Ti auguro di avere tempo, tempo per la vita.



[Poesia Indiana]


venerdì 30 dicembre 2011

Ingabbiati dal Veleno nella Rete Chimica dei Criminali



L'acqua di Nuoro è contaminata da alluminio e manganese: così, in seguito ad analisi eseguite dall'A.R.P.A.S., qualche giorno addietro, il sindaco ha emanato un'ordinanza per vietare l'uso a fini alimentari del prezioso liquido. Il provvedimento è stato poi revocato, ma resta un fatto incontrovertibile: alluminio e manganese sono due tra i numerosi "ingredienti" delle scie chimiche. 

L'avvelenamento delle risorse idriche è un fine perseguito ed ottenuto con criminale efficienza, per mezzo soprattutto degli aerei della morte. Di fronte all'inquinamento dell'acqua "potabile", la misura che, da tempo immemorabile, viene adottata è la solita: innalzare per legge la soglia di tollerabilità degli inquinanti. 

Buona bevuta... 

Basta, Non Compro Più Niente

Mi vien da ridere quando si profetizza un prossimo futuro di scarpe rotte e cappotti rattoppati: con le scarpe, i cappotti, i vestiti, gli elettrodomestici, i mobili che abbiamo ammucchiati in casa potremmo andare avanti vent'anni.
Con l'arrivo del nuovo anno, in genere, ci si impegna in buoni propositi. Il mio è il seguente: basta, non compro più nulla. 

Nulla, se non cibo (buono) e rimpiazzo per cose davvero indispensabili.
Protesta contro le cattive multinazionali, gli invadenti centri commerciali, gli avidi negozianti? Neanche per sogno. Crisi economica, risparmio forzato, decrescita felice? Ma figuriamoci.

Semplicemente sono stufo di farmi fregare. Ho capito che scambio il mio denaro per pura e semplice monnezza. Robaccia che non vale nulla, che si rompe, si guasta, non fa ciò che deve fare, si tiene insieme con lo sputo. Schifezze fatte per non durare, che non valgono neppure la benzina per andarle a comprare. 

giovedì 29 dicembre 2011

Il Declino degli Stati Uniti

Nel numero dell’estate 2011 della rivista dell’Accademia Statunitense di Scienza Politiche, leggiamo che è un “tema comune” che gli Stati Uniti, che “solo pochi anni fa erano salutati come quelli che, a passi da gigante, sopravanzavano il mondo da colossi, con un potere senza confronti e con un’attrattiva incontrastata, sono in declino, sotto il presagio della prospettiva di una rovina finale”. È davvero un tema comune, diffusamente condiviso, e non senza motivo. Ma una valutazione della politica estera e dell’influenza USA all’estero, nonché della forza della sua economia interna e delle istituzioni politiche in patria suggerisce che numerosi requisiti sono a posto. Per cominciare, il declino in effetti è iniziato ed è proseguito a partire dal momento più alto della potenza statunitense appena dopo la Seconda Guerra Mondiale e la notevole retorica di molti anni di trionfalismo degli anni ’90 è stata prevalentemente autoillusoria. Inoltre il corollario comunemente ricavato – che il potere passerà alla Cina e all’India – è fortemente dubbio. Si tratta di paesi poveri con gravi problemi interni. Il mondo si sta certamente facendo più differenziato, ma nonostante il declino degli Stati Uniti non c’è, nel prevedibile futuro, alcun concorrente all’egemonia della potenza globale.

Il Circo Romano del Bilderberg

Quando quasi un mese fa l’“uomo del Bilderberg”, Mario Monti, si è promosso reggente d’Italia, l’aria era pesante di moniti da Valchirie, che il grande stregone non sarebbe per nulla riuscito a far quadrare i bilanci in misura opportunamente veloce, quindi non solo l’Italia sarebbe sprofondata, ma che avrebbe trascinato con sé l’euro e l’intero apparato dell’Unione europea. Questa era una sciocchezza allora, e lo rimane ancora oggi.


Non c’è nessuna crisi dell’euro, la fine del mondo come lo conosciamo non è imminente - a meno che Angela Merkel e Nicolas Sarkozy mettano a segno il loro sinistro schema per una completa unione fiscale europea, sullo sfondo di ciò che non è altro che una crisi, frutto di macchinazioni, del tutto artificiosa. Se Monti pensava di fare la sua apparizione sulla scena mondiale e vincere l’Oscar per la probità fiscale, poi è stato brutalmente deluso.

Il pacchetto di grande austerità per salvare Roma dal destino, che la Città Eterna aveva inflitto a Cartagine duemila anni fa, ha ricevuto risposte pesantemente irridenti.
Nelle parole di un commentatore autorevole, i tagli che gli Italiani devono subire sembrano solo uno sforzo simbolico, puramente dimostrativo da parte del governo tecnocratico, almeno nella speranza che la Banca Centrale Europea voglia correre al salvataggio, verso rendimenti più bassi dei titoli di Stato.


Forse, ma io nutro seri dubbi che questa sia la storia effettiva.
La cosa grossa che veramente sta bollendo in pentola, che può portare ad una rivoluzione totale nell’uso del denaro - prima in Italia, poi nel resto di Europa – è stata nascosta prudentemente fra le pieghe del favoloso progetto di austerità, che esamineremo immediatamente.
Sì, senza dubbio sono stati effettuati tagli puramente dimostrativi, anche se direttamente ricavati dal tipico copione di austerità del Bilderberg.

mercoledì 28 dicembre 2011

Scia Chimica Boomerang


sabato 24 dicembre 2011

Buone Feste a Tutti!


A Natale… Puoi portare un sorriso tra la gente

a chi non dorme dentro a un letto e vive senza il tetto

a chi la pace fa sperare tra le bombe da evitare

a chi non ha più denti da mostrare e nessuno a cui parlare

a chi non mangia mai abbastanza e ha perso la fiducia e la speranza

a chi restano poche ore e agonizza all’ospedale

a chi è solo senza i figli

a chi cerca il suo papà e una mamma non ce l’ha

a chi non sogna più a Natale un bel dono puoi portare

dal negozio del tuo cuore che regala tanto amore.

Tanti Auguri a tutti!

mercoledì 14 dicembre 2011

Per un Mondo Migliore Dimenticati del Cellulare

La Marijuana Uccide il Cancro

Il Carbonato di Calcio nelle Scie Chimiche

Il carbonato di calcio (CaCO3) è un costituente del calcio, delle concrezioni calcaree, della pietra da calce, ma è ricavabile anche artificialmente ed usato in varie industrie. E' un sale pochissimo solubile in acqua, ma abbastanza solubile in presenza di biossido di carbonio in seguito alla formazione di bicarbonato. Questa reazione reversibile è molto importante nel ciclo geochimico del calcio. Essa dà luogo anche, nel caso di acqua ad elevata durezza temporanea, alla formazione di incrostazioni in tubi e caldaie.

Il calcare, ricco di carbonato di calcio, è la materia prima per la produzione di calce viva. Tale prodotto era già conosciuto ed usato da vari popoli antichi. A causa della sua notevole pericolosità, la lavorazione era affidata a pochi lavoratori opportunamente addestrati. Essi la mescolavano con la sabbia per ottenere la malta impiegata nelle costruzioni. 

Perchè Monti Taglia le Pensioni Ma Non l’Astronomica Spesa Militare di 50 Miliardi?

Solo nel 2012 il Ministero della Difesa riceverà 23 miliardi e 113 milioni di Euro. In pratica quanto richiesto dal decreto “Salva Italia” di Monti. Ma é proprio necessario? All’interno dello stesso decreto si legge che 1,6 miliardi verranno dirottati dal bilancio per lo Sviluppo al bilancio della Difesa per l’acquisto di caccia militari F35, altri 135 milioni per l’acquisizione di unità navali Fremm e 1,4 milioni per il finanziamento delle missioni internazionali (stanziati dal fondo del Ministero dell’Economia, quindi approvati da Monti in persona).

Tutti soldi che vanno a Finmeccanica, l’industria militare statale, in cui corruzione e collusione politica sono ormai accertate dai recenti fatti di cronaca.

Ma che ce ne facciamo di 131 aerei da guerra? Attualmente nessun aereo italiano é infatti impegnato nelle cosiddette “missioni di pace internazionali”. Forse ne ha bisogno l’Onu? Forse é una spesa che l’UE ci costringe a fare? O forse Monti ha deciso di dichiarare guerra a qualche altra nazione? In effetti é da un pò che non si sentono più le note di “Faccetta Nera” a Tripoli…

lunedì 12 dicembre 2011

Che Cos'è il Terrorismo?

Nel maggio del 1898 re Umberto I, preoccupato per le notizie che giungevano da Milano, dove era appena scoppiato uno sciopero generale, affidò al generale Bava Beccaris il compito di reprimere la sommossa. Ai soldati venne dato ordine di sparare a vista, e Bava Beccaris fece aprire il fuoco sulla città con i mortai. Il bilancio fu di 80 morti e 450 feriti. Fiero dell’impresa compiuta, il generale telegrafò al re che Milano era ormai “pacificata”. Il capo del governo, il marchese Di Rudini, fece sopprimere oltre cento giornali di opposizione, le Camere del Lavoro, i circoli socialisti, le Società di Mutuo Soccorso, nonché 70 comitati diocesiani e 2500 comitati parrocchiali. Furono inoltre chiuse le Università di Roma, Napoli, Padova e Bologna e vennero eseguiti migliaia di arresti. Più tardi, i tribunali distribuiranno 1400 anni di carcere. A Bava Beccaris, Umberto I inviò subito un telegramma di felicitazioni e la croce dell’Ordine Militare di Savoia «per i preziosi servigi resi alle istituzioni e alla civiltà». Due anni dopo, il 29 luglio 1900, l’anarchico pratese Gaetano Bresci sollevava re Umberto I dal peso delle proprie responsabilità, uccidendolo a Monza.

Il Re e l’anarchico. Entrambi assassini, con le mani sporche di sangue: è innegabile. Eppure, sono forse equiparabili? Non lo penso. Né penso che le motivazioni e le conseguenze delle loro rispettive azioni si possano considerare alla stessa stregua.

E allora, giacché essi non possono venir uniti in una comune esecrazione, quale dei due si può dire che commise un atto di terrorismo? Il re che fece massacrare la folla, o l’anarchico che sparò al re?

giovedì 8 dicembre 2011

Eurotruffa Criminale

Chi Semina Vento, Raccoglie ...Tempesta!!!

Lo STATO chiede di aumentare l'età delle pensioni perché in EUROPA tutti lo fanno.


IL POPOLO CHIEDE IN CAMBIO: 
  • di arrestare tutti i politici corrotti, di allontanare dai pubblici uffici tutti quelli condannati in via definitiva perché in EUROPA tutti lo fanno, o si dimettono da soli per evitare imbarazzanti figure. 
  • di dimezzare il numero di parlamentari perchè in EUROPA nessun paese ha così tanti politici. 
  • di diminuire in modo drastico gli stipendi e i privilegi a parlamentari e senatori, perché in EUROPA nessuno guadagna come loro. 
  • di poter esercitare il “mestiere” di politico al massimo per 2 legislature come in EUROPA tutti fanno. 
  • di mettere un tetto massimo all’importo delle pensioni erogate dallo stato (anche retroattive), max. 5.000 euro al mese di chiunque, politici e non, poiche’ in EUROPA nessuno percepisce 15/20 oppure 37.000 euro al mese di pensione come avviene in ITALIA. 
  • di far pagare i medicinali visite specialistiche e cure mediche ai familiari dei politici poichè in EUROPA nessun familiare dei politici ne usufruisce come avviene invece in ITALIA dove con la scusa dell’immagine vengono addirittura messi a carico dello stato anche gli interventi di chirurgia estetica, cure balneo-termali ed elioterapiche dei familiari dei nostri politici.

CICAP: L'Incarnazione dell'Ignoranza e del Pregiudizio Batte Cassa!

Il Cicap Batte Cassa: il 5 x 1000 per Combattere (Dicono) l'Ignoranza!

A chi non fanno gola i soldi? Sicuramente al Cicap parecchio visto che sono molto attenti a rimpinguare le loro casse. Dunque in concomitanza con la data di presentazione della dichiarazione dei redditi, il Comitato ricorda che si può devolvere il 5 per mille della propria dichiarazione proprio all'associazione che combatte la superstizione e l'ignoranza, citando una loro definizione. 

Il Cicap, infatti, e' stato riconosciuto come Associazione di promozione sociale, devolvere una parte dei nostri contributi al Cicap significa - secondo il loro auspicio - diffondere la cultura scientifica nel nostro Paese contrastando l'ignoranza, la superstizione e il pregiudizio! Per una volta siamo d'accordo. Cominciamo a combattere il pregiudizio e l'ignoranza. Partendo proprio dalla loro associazione, con una bella carrellata di esempi concreti.

In Realtà Altre Manovre Sono Più Che Possibili...



Solo i famosi 131 cacciabombardieri F35 (non c’è stata ancora la firma del contratto, quindi potremmo disdirli senza penali) fanno 16 miliardi.

La dismissione di una parte delle caserme rimaste semivuote dopo la fine della naia obbligatoria consentirebbe di incassare rapidamente almeno altri 4 miliardi.

La rinuncia all’acquisto di due sommergibili e due fregate (anche loro già a bilancio) farebbe risparmiare un altro mezzo miliardo (abbondante).

mercoledì 7 dicembre 2011

Non Dimenticate che i Generali Sono i Coglionelli Promossi

Generale Cinese minaccia la Terza Guerra Mondiale sull’Iran

Un generale della National Defense University cinese, afferma che la Cina non dovrebbe esitare a proteggere l’Iran, anche se ciò dovesse significare la terza guerra mondiale, mentre diverse navi da guerra statunitensi vengono spedite nella regione, tra crescenti tensioni. 

Secondo NDTV, un notiziario cinese per l’estero, riguardo la recente speculazione che l’Iran sia il bersaglio di un attacco israelo -statunitense, il generale Zhang Zhaozhong ha commentato che “la Cina non esiterà a proteggere l’Iran, anche a costo della terza guerra mondiale, dichiarazione descritta come sconcertante da alcuni”. 

Kennedy Predisse che le Banche Avrebbero Creato una Grande Crisi Globale. Poi Morì!

Il 4 Giugno del 1963, un decreto presidenziale di John Fitgerald Kennedy, detto Ordine Esecutivo 11110, fu firmato impedendo alla Federal Reserve Bank di prestare soldi a interesse al Governo Federale degli Stati Uniti. La FRB sarebbe presto fallita e l’America sarebbe tornata l’unica vera detentrice del proprio debito. JFK fu il primo presidente della storia a comprendere quanto lo strapotere delle banche private avrebbero ben presto creato un collasso dell’intero sistema economico globale.

John Fitzgerald Kennedy fu il primo presidente della storia a comprendere quanto lo strapotere delle banche private avrebbero ben presto creato un collasso dell’intero sistema economico e decise di combatterlo. Secondo JFK, le banche private, non potevano esseri i creditori di un’intera nazione e, cosa più importante, non potevano avere il potere di stampare moneta. Le somiglianze fra la Federal Reserve e la BCE, nonché la nostra cara Bankitalia, sono a dir poco imbarazzanti.

Riserva Frazionaria per Dummies

Poniamo che di questi tempi vi venga in testa un'idea del tutto balorda: decidete di andare in banca a ritirare gran parte dei soldi che riposano sul vostro conto corrente. Non so, forse, stupidamente, siete convinti che essi possano stare più al sicuro da qualche altra parte. Forse, spaventati da trasmissioni demenziali che propongono il divieto di usare il contante, avete pensato che sarebbe meglio darsi una mossa e prelevarne una parte finchè si è in tempo.

In fondo non importa la ragione, voi semplicemente avete avuto questa balzana idea di andare in banca a prelevare parte dei vostri soldi in contante.

Entrate dopo aver svuotato almeno due volte le tasche nel portaoggetti, vi presentate allo sportello e reclamate il vostro ammontare costituito da almeno quattro cifre. Per ammontari più modesti non perdete neanche tempo, ricordatevi che c'è sempre a disposizione il bancomat, meraviglia del progresso e frutto dell'ingegno imprenditoriale, il quale vi offre il vantaggio di non costringervi a svuotare le tasche prima di unirvi agli altri clienti con il numerino in mano e in attesa di essere serviti.

Lo sportellista di banca, piuttosto allarmato soprattutto nel caso in cui l'ammontare richiesto sia non di quattro, ma addirittura di cinque cifre, chiama subito il direttore che arriva ansimando e comincia: la legge di qua, le disposizioni di là, la circolare di sopra, per l'antiriciclaggio di sotto, però ci voleva il preavviso... bla bla bla.. insomma per farla breve è chiaro che il vostro malloppo non ve lo sganciano volentieri. Leggendo alcune esperienze pubblicate sul web, qualche cliente più esuberante a questo punto si incazza pure alzando la voce e dicendo: «Ma stiamo scherzando?? Quei soldi sono miei, ho diritto a riaverli»!

martedì 6 dicembre 2011

Come Scatenare e Vincere una Guerra in 13 Semplici Mosse

Il seguente articolo prende spunto da un brano del libro “Massoneria e sette segrete” di Epiphanius (pagine 709/710) ed è integrato con delle citazioni di questo articolo di Nena News.



Ecco i punti essenziali per scatenare una guerra ed impossessarsi di paesi strategici. Il metodo, da decenni, è sempre lo stesso:


1. Si esaltano le differenze politiche/sociali/etniche di un paese e si armano le diverse fazioni.
[In Siria sono al lavoro squadroni della morte, composti da libici, ceceni, iracheni, afghani, gente senza scrupoli che semina terrore].

Tranquilli, Fra 300 Anni Estingueranno il Debito Pubblico!


Alla fine quello che doveva accadere è accaduto. La pesante scure è scesa inesorabile. L’austerity, quale soluzione ai mali del nostro Paese, è stata adottata con modalità quasi maniacali, ad opera di quella oligarchia tecnocratica, applaudita bipartisan, come salvatrice, come boccata di ossigeno.

Eppure una strada alternativa esiste, o meglio sarebbe esistita, se la Democrazia non fosse stata sepolta dal potere oligarchico che oggi governa l’Italia. Basti pensare all’Islanda, un piccolo Paese abitato da poco più di 320 mila abitanti, gli unici ad essersi ribellati al fallimento delle banche, ovvero istituti privati che poco o nulla centrano con lo Stato. Gli islandesi si sono opposti all’austerity a loro imposta con ben due referendum.

lunedì 5 dicembre 2011

Le Più Belle Citazioni sui Gatti

Amo i gatti. Sono belli, eleganti, perfetti. Guardandoli , mi viene da pensare che, progettandoli, il Creatore si è, in qualche modo, superato : queste piccole tigri in miniatura sono tra i capolavori della natura, questo sinonimo di Dio quando vuole mantenere l'incognito. E si sa che alla bellezza molto è perdonato. Anche se io, ai gatti, proprio nulla devo perdonare...

Amare un gatto significa apprezzare la natura. I gatti scelgono chi amare e non dipendono da nessuno.

I gatti sono animali verso i quali nutro un grandissimo rispetto. I gatti e i non conformisti mi sembrano i soli esseri al mondo che possiedono una coscienza veramente pratica. 

I gatti non dimenticano mai nulla. Il loro cervello è molto meno ingombro di questioni non essenziali rispetto a quello umano. 

Molti animali hanno una loro costellazione che brilla in cielo di notte. I gatti no. A loro bastano gli occhi lucenti per illuminare il cammino. 

Quando i verdi occhi di un gatto scrutano dentro di voi, potete essere certi che qualunque cosa intendano dirvi è la verità. 

Il Debito Pubblico, un Meccanismo di Redistribuzione della Ricchezza dai Poveri ai Ricchi

L’unica parte della cosiddetta ricchezza nazionale che fa realmente e veramente parte della proprietà collettiva dei popoli è …. Il debito pubblico. 
- Da Il Capitale, Karl Marx (1867) -

Gli ultimi fatti economici e politici stanno succedendo a velocità vertiginosa. Lo sprofondamento dei governi della Grecia e dell’Italia in appena dieci giorni è stato un colpo durissimo dei cosiddetti mercati alle deboli democrazie parlamentari come le abbiamo concepite finora. Il colpo di stato dei finanzieri iniziato con il piano di salvataggio pubblico del capitale finanziario privato ha preso la sua forma letterale: i tecnocrati provenienti dalla banca internazionale, da Goldman Sachs quale massimo esponente della Banca Centrale Europea (BCE), occupano le posizioni di controllo degli Stati greco e italiano. Le porte girevoli adesso girano al contrario: non solo i politici ritirati occupano i posti nei consigli di amministrazione delle grandi società ma i tecnici del capitale privato occupano i portafogli pubblici di alcuni governi a cui non resta nulla di legittimo.

Non solo si compie la massima del capitalismo, che recita di privatizzare i profitti e socializzare le perdite, ma oltretutto si ordina come farlo.

Liberisti Tutti

Oggi, nell'era della piena realizzazione del Liberismo, si fatica a credere che ci sia stato un tempo nel quale il mercato del lavoro era prigioniero di leggi insensate e limitazioni avvilenti. 

Eppure, fino ai primi anni del ventunesimo secolo, milioni di persone anziane venivano ancora cacciate dal loro posto di lavoro soltanto a causa della loro età anagrafica, e costrette ad anni e a volte decenni di umiliante improduttività. Una pratica detta allora ''pensionamento'', ma che oggi possiamo chiamare col nome che le spetta: discriminazione.

Con un'intollerabile ingerenza statale nelle libertà personali, agli anziani veniva negato il diritto di morire lavorando. La soddisfazione umana e professionale di dare la vita per la ditta era possibile solo grazie ai coraggiosi imprenditori che ignoravano le retrograde norme di sicurezza.

Il Futuro è Arrivato e il Modello Economico è Giunto al Capolinea


"Il giorno del Big Bang non è lontano. Il denaro, nella sua estrema essenza, è futuro, rappresentazione del futuro, scommessa sul futuro, rilancio inesausto sul futuro, simulazione del futuro ad uso del presente. Se il futuro non è eterno ma ha una sua finitudine noi, alla velocità cui stiamo andando, proprio grazie al denaro, lo stiamo vertiginosamente accorciando. 
Stiamo correndo a rotta di collo verso la nostra morte, come specie. Se il futuro è infinito e illimitato lo abbiamo ipotecato, con l’iperbolica massa di denaro che abbiamo messo in circolazione, fino a regioni temporali così sideralmente lontane da renderlo di fatto inesistente. 

L’impressione infatti è che, per quanto veloci si vada, anzi proprio in ragione di ciò, questo futuro orgiastico arretri costantemente davanti a noi. O, forse, in un moto circolare, nicciano, einsteniano, proprio del denaro, ci sta arrivando alle spalle gravido dell’immenso debito di cui l’abbiamo caricato. Se infine, come noi pensiamo, il futuro è un tempo inesistente, allora abbiamo puntato la nostra esistenza su qualcosa che non c’è, sul niente, sul Nulla.

In qualunque caso questo futuro, reale o immaginario che sia, dilatato a dimensioni mostruose e oniriche dalla nostra fantasia e dalla nostra follia, un giorno ci ricadrà addosso come drammatico presente. Quel giorno il denaro non ci sarà più. Perché non avremo più futuro, nemmeno da immaginare. Ce lo saremmo divorato".

venerdì 2 dicembre 2011

Cane Spara al Cacciatore nel Sedere!

Sembra una barzelletta, ma è tutto vero. Durante una battuta di caccia nello Stato dello Utah, il cane di un cacciatore di uccelli è salito su un fucile facendo partire un colpo e ferendo il padrone sul sedere.

Il vicesceriffo Kevin Potter racconta che il 46enne era in barca con un amico a cerca di anatre, quando ha lasciato la piccola imbarcazione senza prendere la carabina. 

A quel punto il cane è salito sull'arma aprendo per sbaglio il fuoco e colpendo il padrone nel didietro da una distanza di tre metri. Non è chiaro se il fucile avesse la sicura, ma per fortuna il cacciatore non si è ferito gravemente grazie agli stivaloni che indossava. L'uomo è stato comunque portato in ospedale. Di sicuro non dimenticherà facilmente questa battuta di caccia, ma non credo basterà a dissuaderlo completamente. 

Sovranità Limitata

Quello che penso del governo Monti e di come è nato l'ho già detto e ad oggi non vedo motivi per rivedere la mia posizione: il precedente governo era la cosa più indecente e vergognosa che potessimo immaginare, ma quello attuale è un governo illegittimo costruito con un colpo di stato. Come se la cosa non fosse già abbastanza grave così, i partiti italiani presenti in Parlamento (con la sola eccezione della Lega a caccia di un recupero di consensi) hanno fatto ponti d'oro a questa operazione, spacciandola per un alto senso di responsabilità da parte loro, necessario per il bene dell'Italia.
Cazzate!

Siria: Si Avvicina il Genocidio della NATO

Il Rapporto delle Nazioni Unite sulla Siria scritto in collaborazione con il direttore di un Think-Tank corporativo degli Stati Uniti 

Menzogne ​​palesi raccontate da presunti "attivisti per i diritti umani" hanno portato alla igominiosa brutalità autorizzata dalla NATO e alla fine hanno portato il rappresentante del Petroleum Institute sponsorizzato da BP, Shell, Total, Abdurrahim el-Keib, al potere in Libia. Ora, questi stessi interessi corporativi-finanziari, attraverso le loro stesse reti di propaganda, doppiezza e inganno, stanno gettando le basi per una replica in Siria.

giovedì 1 dicembre 2011

Ci Mancava Giusto il Supervirus

Dunque, vediamo la lista della spesa di questa fase più recente...

- Crisi economica: fatto

- Crisi sociale: fatto

- Crisi politica: fatto

- Crisi sovrana: in corso

- Sostituzione di governi eletti con regimi non eletti sostenuti dal consenso: fatto

- Trasferimento del potere effettivo alle organizzazioni sovranazionali: in corso

- Eliminazione del contante: progettato, scadenza 2012

In tutto questo, per completare la lista della spesa dei più selvaggi incubi dei peggiori siti di cospirazioni, mancava solo l'epidemia creata in laboratorio, con la conseguente vaccinazione di massa con installazione di chip sottocutaneo.

Quelli che Vediamo Oggi Sono le Camice Brune, le SS Devono Ancora Arrivare

Nulla di quanto è scritto di seguito è Fanta Horror. Sono un giornalista con delle responsabilità, non un folle che ama spaventare la gente. Dovete andare in Africa per sapere cosa vi aspetta. Africa sud sahariana. I pacchetti di austerità di cui oggi si parla come ‘rimedio’ alla crisi di credibilità dei nostri governi in Eurozona, furono disegnati, esattamente come si disegna un motore, 35 anni fa dal Fondo Monetario Internazionale (FMI).

Non si chiamavano austerità, ma Structural Adjustment Programmes (SAPs). Tagli a tutto il settore pubblico e spesa pubblica, privatizzazioni, tasse, isteria da deficit, allungamento età pensionabile, finanziarizzazione della società, ecc. Lo scopo: depredare alla morte i Paesi africani che stavano organizzando il proprio riscatto col New International Economic Order all’inizio degli anni ’70. E così fu. Non li hanno cambiati di una virgola quei programmi, solo il nome: austerità. Oggi gli esecutori di questi crimini sociali in Europa rispondono ai nomi di Ollin Rehn, Herman Von Rompuy, Draghi, Monti ecc. Essi sono le Camice Brune. Ora torniamo in Africa, perché dovete conoscere le nostre prossime SS.
Free Black Pone MySpace Cursors at www.totallyfreecursors.com